ITALIAN STYLE


AROUND THE WORLD


INNOVATION


FREEDOM


LUXURY


ACCESSIBILITY


SPORT


FLOATING DOCKS


Traduzione

ASSONAUTICA mail LOGO OK

acatlogo

News

Oggi dopo molte peripezie  a causa di uno sciopero e di manifestazioni a    Genova abbiamo incontrato Il governo dello stato di Santa Caterina. Giornata molto interesante  piena di prospettive serie  e fattive anticipiamo due foto dei momenti salienti nei quali sono stati siglati accordi di facilitazioni e scambi culturali che saranno la base per costruire il polo nautico di Santa Caterina , erano presenti al seminario di presentazione del Governo di Santa Catarina al Salone della Nautica di Genova : Pietro Celi DG Mise; Valdir Cobalchini Segret. Gov. SC; Jose Carlos Ferreira Rauen Segret. Citta di Florianopolis. Molto dinamica l’esperienza dei canteri Azimut che per voce del Dott. Paolo Casani ha raccontato lo stato attuale gia molto incoraggiante ma ancorpiù le prospettive future della loro esperienza.

Un particolare ringraziamento ad Emanuele Sapadaro,Andrea Razeto, per UCINA  ma sopratutto a Domenico Calabria di BRASILPLANET che ha permesso tutto questo.!

Siamo lieti di informare tutti i nostri amici che Sabato 6 Ottobre alle ore 12,00 presso il salone internazional di Genova

nel teatro del mare  vi sarà una lectio magistralis tenuta dall’Arch Franco Gnessi sul refit avanzato.

Si parlerà del delicato rapporto cliente cantiere progettista.

 

 

  1. 1.    Refit

1.1.   Il cliente e lo studio di progettazione

1.2.   La prima visita a bordo

1.3.    Torniamo in ufficio organizzazione del lavoro

1.4.   Il rilievo

1.5.   Il layout planimetrico e l‘aspetto della barca

1.6.   Ottimizzazione degli impianti

1.7.   La sicurezza

1.8.   Computi e tempistica

Dopo giorni di lavoro da parte di uno staff eserto la barca è chiusa ed è completato anche il dritto di prua

Siamo molto felici di accogliere a bordo del nostro team Carol Aggio Silva.La scelta comune di iniziare questo percorso formativo e professionale comune vuole puntare ad ampliare gli orizzonti del Team Dynaship oltre oceano, Carol avrà come supporto anche la certificazione Mc Neel Rhinoceros di secondo livello volto al fine di poter essere di grande supporto ai progetti futuri.Sarà Carol da oggi in poi a gestire i nostri rapporti con istituzioni  o possibili client Brasiliani.

Art. 3. Reti d’impresa, «Zone a burocrazia zero», ((Distretti turistici,)) nautica da diporto

1. (soppresso).

2. (soppresso).

3. (soppresso).

4. Possono essere istituiti nei territori costieri, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su richiesta delle imprese del settore che operano nei medesimi territori, previa intesa con le Regioni interessate, i Distretti (( turistici )) con gli obiettivi di riqualificare e rilanciare l’offerta turistica a livello nazionale e internazionale, di accrescere lo sviluppo delle aree e dei settori del Distretto, di migliorare l’efficienza nell’organizzazione e nella produzione dei servizi, di assicurare garanzie e certezze giuridiche alle imprese che vi operano con particolare riferimento alle opportunità di investimento, di accesso al credito, di semplificazione e celerità nei rapporti con le pubbliche amministrazioni.

((5.Nei territori di cui al comma 4, la delimitazione dei Distretti è effettuata dalle Regioni d’intesa con il Ministero dell’economia e delle finanze e con i Comuni interessati, previa conferenza di servizi, che e’ obbligatoriamente indetta se richiesta da imprese del settore turistico che operano nei medesimi territori. Alla conferenza di servizi deve sempre partecipare l’Agenzia del demanio.))

6. Nei Distretti ((turistici)) si applicano le seguenti disposizioni:

a) alle imprese dei Distretti, costituite in rete ai sensi dell’articolo 3, comma 4-ter e seguenti, del decreto-legge 10 febbraio 2009, n.5, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009, n.33, e successive modificazioni, si applicano le disposizioni agevolative in materia amministrativa, finanziaria, per la ricerca e lo sviluppo di cui all’articolo 1, comma 368, lettere b), c) e d) della legge 23 dicembre 2005, n.266, e successive modificazioni, previa autorizzazione rilasciata con decreto del Ministero dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, da adottare entro sei mesi dalla relativa richiesta. Alle medesime imprese, ancorché non costituite in rete, si applicano ((comunque)), su richiesta, le disposizioni agevolative in materia fiscale di cui all’articolo 1, comma 368, lettera a), della citata legge n.266 del 2005;

b) i Distretti costituiscono «Zone a burocrazia zero» ai sensi dell’articolo 43 del decreto-legge 31 maggio 2010, n.78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n.122, e ai medesimi si applicano le disposizioni di cui alle lettere b) e c) del comma 2 del predetto articolo 43;

c) nei Distretti sono attivati sportelli unici di coordinamento delle attivita’ delle Agenzie fiscali e dell’INPS. Presso tali sportelli le imprese del distretto intrattengono rapporti per la risoluzione di qualunque questione di competenza propria di tali enti ((e possono presentare richieste e istanze, anche rivolte a qualsiasi altra amministrazione statale, nonché ricevere i provvedimenti conclusivi dei relativi procedimenti)). Con decreto interdirigenziale dei predetti enti, nonché con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di natura non regolamentare, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, sono emanate, ((in coordinamento con la disciplina vigente in materia di Sportello unico per le attivita’ produttive e di comunicazione unica)), le disposizioni applicative occorrenti ad assicurare la funzionalita’ degli sportelli unici, rispettivamente, per le questioni di competenza dei predetti enti, nonché di competenza ((delle
amministrazioni statali)). Per le attivita’ di ispezione e controllo di competenza delle Agenzie fiscali e dell’INPS gli sportelli unici assicurano controlli unitari, nonché una pianificazione e l’esercizio di tali attivita’ in modo tale da influire il meno possibile sull’ordinaria attivita’ propria delle imprese dei Distretti. Dall’attuazione delle disposizioni di cui ai periodi precedenti non devono derivare nuovi o maggiori oneri. Le amministrazioni provvedono agli adempimenti ivi previsti con l’utilizzo delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili
in base alla legislazione vigente.

7. Per semplificare gli adempimenti amministrativi relativi alla navigazione da diporto per scopi commerciali ed alla realizzazione di pontili galleggianti a carattere stagionale, al Codice della nautica da diporto di cui decreto legislativo 18 luglio 2005, n.171, i commi 1 e 2 dell’articolo 1 sono sostituiti dai seguenti:

«1. Le disposizioni del presente codice si applicano alla navigazione da diporto, anche se esercitata per fini commerciali mediante le unità da diporto di cui all’articolo 3 del presente codice, ivi comprese le navi di cui all’articolo 3 della legge 8 luglio 2003, n. 172.

2. Ai fini del presente codice si intende per navigazione da diporto quella effettuata in acque marittime ed interne a scopi sportivi o ricreativi e senza fine di lucro, nonché quella esercitata a scopi commerciali, anche mediante le navi di cui all’articolo 3 della legge 8 luglio 2003, n. 172, ferma restando la disciplina ivi prevista.».

8. Per incentivare la realizzazione di porti e approdi turistici e razionalizzare il procedimento di rilascio delle relative concessioni demaniali marittime:

a) all’articolo 5, della legge 28 gennaio 1994, n. 84, dopo il comma 2, è inserito il seguente:

«2-bis. Nel caso di strutture o ambiti idonei, allo stato sottoutilizzati o non diversamente utilizzabili per funzioni portuali di preminente interesse pubblico, nella predisposizione del piano regolatore portuale, deve essere valutata, con priorita’, la possibile finalizzazione delle predette strutture ed ambiti ad approdi turistici come definiti dall’articolo 2 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 2 dicembre 1997, n. 509.»;

b) ferma restando la disciplina relativa all’attribuzione di beni a regioni ed enti locali in base alla legge 5 maggio 2009, n. 42, nonché alle rispettive norme di attuazione, al procedimento di revisione del quadro normativo in materia di rilascio delle concessioni demaniali marittime per le strutture portuali di cui all’articolo 2, comma 1, lettere a) e b), del decreto del Presidente della Repubblica 2 dicembre 1997, n. 509, si applicano i criteri e le modalita’ di affidamento ((appositamente definiti nell’ambito)) dell’intesa raggiunta ai sensi dell’articolo 1, comma 18, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, in sede di conferenza Stato – Regioni.